A cura di Giuliana Cossettini, Naturopata con specializzazione in Antiaging

DIMAGRIRE O PERDERE SELETTIVAMENTE SOLO IL GRASSO SUPERFLUO?
Quando ci si mette a dieta è facile perdere del peso, ma è altrettanto facile riguadagnarlo in poco tempo. Perché?
Le diete che propongono regimi a basse calorie (1000-1200 kcal) sono troppo drastiche. Ricordiamo che solo per mantenere tutti i processi biologici dell’organismo a riposo ad una temperatura gradevole e costante, un adulto necessita di almeno 1300 kcal.
Una persona che inizia una dieta troppo drastica, per calare ad es. 3,5 kg in una settimana, va a perdere 1 kg effettivo di grassi, ½ di acqua e ben 2 kg di proteine. Perciò il corpo di questa persona si sta cannibalizzando, perché mangia le sue proteine.
L’estrema riduzione calorica provoca un dimagrimento forzoso ed un forte rallentamento metabolico, che passa attraverso la regolazione degli ormoni disseminati nell’apparato digerente e nel nostro grasso, e porta ad un rallentamento funzionale della tiroide, delle ovaie nella donna o dei testicoli nel maschio, dei surreni, e un deficit muscolare ed osseo.
Per contenere i consumi sotto privazione calorica, il corpo infatti rallenta tutto: l’azione depurativa del fegato, la produzione di globuli rossi, l’attività del sistema immunitario. E non può più sciogliere il suo grasso, poiché lo vede come un tesoro da trattenere il più a lungo possibile, visto che in caso di necessità ne ricava il doppio delle calorie che ottiene dal cibo ingerito: questo perché i nostri geni si comportano come hanno sempre fatto fin dall’antichità.
I nostri geni non si sono evoluti in maniera tanto veloce quanto la civiltà contemporanea, per cui ragionano ancora con ciò che hanno appreso nei millenni: cioè poco cibo uguale carestia. Il grasso diventa un tesoro prezioso e il corpo non vorrà lasciarlo andare. Purtroppo però il grasso viscerale è composto da molecole di grosse dimensioni, che attivano una risposta infiammatoria di basso grado ma costante, e lentamente conduce all’invecchiamento ed a tutte le patologie correlate.
Perciò staremo a dieta senza dimagrire più di un grammo e saremo esposti all’infiammazione silente che ne deriva.
Per un rimodellamento non a rischio è necessario:

1-seguire una prescrizione dietetica personalizzata e seguirla per 3 settimane in modo da valutare le proprie risposte corporee per conoscersi meglio
2-mangiare buon cibo, cioè verificarne le filiere e le modalità di produzione, saperlo cucinare per ottenere il massimo beneficio
3-bere acqua (almeno il 3-4% del proprio peso corporeo)
4-fare esercizio fisico (almeno 35 minuti al giorno di camminata veloce)
5-eventualmente supplementare con vitamine e minerali

Per non svuotare le forme l’attività fisica assume un valore primario, insieme con l’orario di assunzione dei cibi, la qualità dei cibi stessi e il loro stimolo ormonale che permette di calare selettivamente solo il grasso superfluo, ad ogni età.
Il raggiungimento del peso forma avverrà in modo costante e duraturo. Non sarà necessario pesarsi ogni momento, ma semplicemente osservare se e come varia il proprio giro vita, insieme con il miglioramento dell’umore e delle proprie performances. Avremo un aspetto più vitale, una mente più serena e tanta energia in più.

 

La Naturopata Giuliana Cossettini riceve su appuntamento presso la GEM – via Canova, 13 Feletto Umberto (UD).
Per info e appuntamenti tel. 0432 574002 | mail info@gem-nutrivita.it

 

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono indicati con (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>